Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti ed em

Con la pronuncia in esame il Tribunale penale di Cuneo in composizione Collegiale ha riaffermato un principio già espresso dalla Suprema Corte di Cassazione in tema di accertamento dell'elemento soggettivo dei reati di cui agli artt. 2 ed 8 del D.Lgs 74/00. Nel caso affrontato dal Tribunale cuneese venivano contestati ad entrambi imputati i reati di cui agli artt. 2 ed 8 del D.Lgs 74/00, per avere reciprocamente emesso fatture per operazioni asseritamente inesistenti, recanti il medesimo importo, la medesima data di emissione ed aventi il medesimo oggetto. Allo stesso tempo, la Pubblica Accusa contestava ai medesimi in concorso il reato di cui all'art. 316-ter c.p. per avere, proprio median

Illegittimità convenzionale delle misure di prevenzione fondate su pericolosità generica - Tribunale

Con il provvedimento in oggetto la Sezione misure di prevenzione del Tribunale Ordinario di Torino ha rigettato una richiesta di applicazione di ordine di soggiorno. Nel caso affrontato dal Tribunale torinese il presupposto della richiesta era fondato su alcuni più recenti precedenti di polizia e su più risalenti precedenti giudiziari. Forte anche della recente pronuncia de Tommaso della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU, Grande Camera, Sent. 23 febbraio 2017, de Tommaso / Italia), il Tribunale di Torino ha escluso che questi presupposti possano da soli costituire la ragione per un provvedimento lesivo della libertà personale. In primo luogo i precedenti di polizia, se non corredati

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
© 2016-2020 FMT Avvocati - All Rights Reserved